Ampliato il centro diurno dell’oratorio salesiano di Livorno per il progetto “Sosteniamo l’Ucraina”

Iryna e suo figlio di 5 anni Sergei, sono salvi. Sono scappati dalla guerra in Ucraina. Dopo infinite ore di auto e a seguito di uno straziante saluto con il marito al fronte, sono arrivati in un luogo sicuro. Ora si trovano a Livorno, accolti da un’amica che oggi vive in Italia.
È per storie e situazioni come queste che da Marzo, presso l’oratorio salesiano di Livorno, l’Associazione Progetto Strada APS ha avviato il progetto “Sosteniamo l’Ucraina”, ampliando il centro diurno per riuscire a far fronte alle richieste dei minori profughi ucraini arrivati in città. Il progetto è stato sostenuto dal fondo Emergenza Ucraina a cui hanno contribuito anche i benefattori di Salesiani per il sociale APS.
Insieme a Sergei, altri dieci bambini partecipano al laboratorio pomeridiano, una capienza già raddoppiata rispetto ai cinque minori accolti il primo giorno. E le richieste continuano ad aumentare.
L’obiettivo del progetto è quello di portare ognuno di questi ragazzi ad una completa integrazione, insegnando loro la lingua italiana, aiutandoli nello svolgere i compiti scolastici ma anche inserendoli in attività ludico-ricreative. Gli ingressi e le attività sono coordinati da una mediatrice ucraina che in contatto con la Prefettura di Livorno favorisce la completa integrazione di questi minori.
Iryna, la mamma di Sergei, non parla ancora l’italiano, era maestra d’asilo e lavorava in una scuola. Oggi ha ancora dei dubbi sul suo futuro: «ricomincerò un’altra vita o aspetto che tutto finisca per ritornare al mio Paese?».
Iryna, in ogni caso, noi ci saremo!

 

Come a Livorno, in tutta Italia, stiamo predisponendo l’accoglienza di donne e minori profughi provenienti dall’Ucraina. Per contribuire al nostro fondo “Emergenza Ucraina” abbiamo predisposto un conto corrente dedicato.
Per realizzare tutto ciò abbiamo bisogno anche del tuo sostegno!
Grazie

 

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien